La Storia di Alfredo

Dal profondo a te grido, o Signore; Ascolta la mia voce. Siano i tuoi orecchi attenti alla voce della mia supplica. Se consideri le colpe, Signore, Signore, chi ti può resistere? Ma con te è il perdono (Salmo 130)

Alfredo, classe 1962, invece non ce l’ha fatta. A 57 anni si è impiccato. Perché? Nessuno lo saprà mai.

Le ragioni che spingono al suicido sono per loro natura insondabili e inspiegabili. Si annidano nei luoghi più reconditi della mente, dove nessuno arriva.

Però il rammarico resta. E se avessimo fatto qualcosa di più? Se avessimo detto una parola diversa? Chissà.

Alfredo era nato a Roma ma viveva a Campagnano da anni. Da solo, in affitto in una casa in campagna.

Era arrivato in Caritas a giugno 2019, veniva due volte a settimana. Magro, piccolo di statura era sempre scontento, arrabbiato. Si fermava ore a chiacchierare, a lamentarsi, ma difficilmente parlava di sé o della sua vita. Però si capiva che era reduce da una convivenza finita male.

Qualcosa a un certo punto deve averlo convinto a dire basta. Un fatto, un pensiero, un’ossessione.

Magari, l’idea di togliersi la vita, ce l’aveva da tempo.

Non lo sapremo mai. Sappiamo solo che, a dicembre 2019, ha legato una corda a una trave sul soffitto, se l’è stretta intorno al collo e si è lasciato cadere.

Che l’abbraccio di Dio gli doni la pace che qui non ha trovato.

Share:

Facebook
Twitter
Email
Print
WhatsApp
On Key

Related Posts

Comunicazione Caritas

Colletta Nazionale per la Terra Santa

Il 18 febbraio 2024 è stata indetta dalla CEI una colletta nazionale a sostegno degli interventi umanitari e per progetti

solidarieta
Comunicazione Caritas

La Storia di Genny

Non avere paura di sognare. Sogna! Sogna un mondo che ancora non si vede, ma che di certo arriverà. La

Comunicazione Caritas

La Storia di Concetta

Non esiste una famiglia perfetta. Non abbiamo genitori perfetti, non siamo perfetti, non sposiamo una persona perfetta, non abbiamo figli