La Storia di Marcello

Non arrenderti alla notte: ricorda che il primo nemico da sottomettere non è fuori di te: è dentro. Pertanto, non concedere spazio ai pensieri amari, oscuri. Questo mondo è il primo miracolo che Dio ha fatto, e Dio ha messo nelle nostre mani la grazia di nuovi prodigi. Fede e speranza procedono insieme. (Papa Francesco)

Infermiere professionale, Marcello, 45 anni, vive a Campagnano dal 2008. A cambiargli la vita è stato un incidente in moto, nel ’90, quando aveva 23 anni e lavorava già in ospedale. Perde un braccio, aumenta di peso, comincia a soffrire di ipertensione e di fenomeni depressivi.

Continua a lavorare in pronto soccorso ma la salute peggiora. “Allora ho richiesto l’inabilità lavorativa. Me l’hanno data e sono andato in pensione a gennaio del 2014. Non era un granché, ma da solo sopravvivevo”.

Tre anni fa Marcello conosce una compagna con cui comincia a convivere. Lei ha già un figlio e insieme ne hanno altri due. “Sono passato da uno a cinque e la pensione non basta più. Anche perché devo pagare un mutuo di 400 euro al mese per una casa che avevo comprato nel 2008, quando i prezzi erano altissimi”.

“Gliel’ho detto alla banca: prendetevi la casa ve la vendo. Ma sono dei ladri”.

Per questo  viene in Caritas. “Qui almeno qualcosa mi danno, anche se in altre Caritas, a Roma, danno di più. Ma lo so che dipende dai luoghi e dalle disponibilità. A livello umano però ho trovato persone di qualità”.

Come tanti, Marcello è arrabbiato con il mondo, con la società, lo Stato, il Comune, le banche, la politica, la scuola.

“Non ti aiuta nessuno. Comune, scuola, nessuno. Tutte chiacchere. Però tutti chiedono soldi. Costa il medico, costano le cure, le medicine e costa la mensa scolastica per i figli. E nessuno che ti dia una mano”.

Share:

Facebook
Twitter
Email
Print
WhatsApp
On Key

Related Posts

Comunicazione Caritas

Colletta Nazionale per la Terra Santa

Il 18 febbraio 2024 è stata indetta dalla CEI una colletta nazionale a sostegno degli interventi umanitari e per progetti

solidarieta
Comunicazione Caritas

La Storia di Genny

Non avere paura di sognare. Sogna! Sogna un mondo che ancora non si vede, ma che di certo arriverà. La

Comunicazione Caritas

La Storia di Concetta

Non esiste una famiglia perfetta. Non abbiamo genitori perfetti, non siamo perfetti, non sposiamo una persona perfetta, non abbiamo figli